CINZIA E LA NUTRIA WRITER

SAMSUNG DIGITAL CAMERA

Pare proprio che la nutria sia un soggetto amato da molti disegnatori!
Abbiamo intervistato Cinzia Carpene, che ha frequentato la Scuola Internazionale di Comics a Firenze.
Cinzia ci ha parlato della sua esperienza e formazione e di un affresco che ha realizzato nel  2007… che ritrae una nutria writer!

io-asia e il frigo copia     nut02

Come è nata la tua passione per il disegno? Riesci ora a metterla in pratica attraverso il tuo lavoro?

La passione per il disegno è nata per ammirazione verso gli anime giapponesi e anche un po’ come passatempo. Ho trascorso diversi pomeriggi estivi e diverse lezioni tra scarabocchi su quaderni. Per quel poco che ho fatto fino ad ora (sono ancora una novizia…) devo dire che sono riuscita ad applicare il disegno un po’ dappertutto. Ho fatto alcuni mesi ad animare spot, poi ho realizzato degli storyboards, qualche volantino e ho curato l’impaginazione di cataloghi. Chi fa il mio mestiere lo sa: bisogna prendere tutto quello che arriva! 

C’è qualcosa che ci puoi dire riguardo alle tecniche di animazione?

In questi anni l’animazione si è evoluta molto, dalla carta al digitale. Non discrimino i cartoni in 3D o flash, quando sono fatti bene meritano complimenti. Però con la semplificazione dei programmi a computer e la velocità acquisita, ho l’impressione che molta gente ne approfitti per vendere sempre più prodotti, anche ad una qualità scadente.
Avendo sempre visto fin da bambina anime giapponesi e cartoni animati della Disney… mi infastidisco un po’ nel vedere queste nuove animazioni, spesso troppo “sintetiche e pupazzose”.

elephant copia     1040568_331576593647963_2044149652_o

Quando hai iniziato a disegnare le nutrie come soggetti?

Le nutrie sono diventate i miei soggetti preferiti alle superiori, quando prendevo la corriera la mattina presto e le vedevo scorrazzare sull’argine e in riva ai fossi. Tutti le associano ai topi e fanno questo tipo di ragionamento: “nutria=topo=malattia=peste=pestilenza=morte per atroce sofferenza”… C’è un po’ di esagerazione! Sopratutto se pensiamo che porterebbero malattie solo per il fatto che abitano in una zona contaminata dall’inquinamento prodotto dall’uomo. Al tempo le stimavo molto, perchè per i contadini e i cacciatori era difficile prenderle o ucciderle e li sentivo spesso lamentarsi, mentre io ridevo sotto ai baffi. Spianare il terreno è facile, tagliare un albero pure… ma la nutria? Come la prendi?

Per quale ragione ti piaceva disegnarle?

Purtroppo abitiamo in una zona dove nel nome del progresso umano, abbiamo distrutto tutto a nostro piacimento. Quando i miei amici mi chiedono dove abito, rispondo “Nella terra di Mordor, dove c’è una grandissima desolazione e… manca solo la torre con l’occhio fiammeggiante sopra!”. Per questo motivo ho pensato che queste bestiole fossero una specie di “simbolo” della natura che sfida l’uomo.

SAMSUNG DIGITAL CAMERA   SAMSUNG DIGITAL CAMERA

Cosa puoi raccontare a proposito del tuo affresco al Bar Plaza? Con quale tecnica è stato realizzato?

L’affresco al Plaza è stato realizzato nel 2007, era stato fatto un concorso per la scelta del soggetto da raffigurare sulla parete accanto ai biliardi. Io ho spedito due bozze, quella con la nutria era la principale. La tecnica è semplice vernice passata con il pennello: ho prima steso la vernice bianca, poi ho fatto la bozza a matita e infine ho colorato. Per concludere il lavoro ho impiegato circa un mese.

Quali sono stati i riscontri?

Nonostante quando si parla della nutria la gente usi un tono dispregiativo “da caccia alle streghe”, alla fine tutti hanno sorriso vedendola nel mio affresco. Nelle iconografie animali la gente prova simpatia per la nutria, poi si mette a gridare appena ne vede una. Misteri umani! 

Come sei venuta a conoscenza della storia di Willy?

Willy è stata una conoscenza casuale, gironzolavo su youtube alla ricerca di informazioni su alcune cose da disegnare e così l’ho trovato.
Ho visto alcune scene della sua vita con il suo tutore umano… non potevo credere che potesse vivere come un comune animale domestico e dormire ai piedi del letto. È stata per me una grande scoperta! Ed è stato bello soprattutto scoprire che ci sono persone si interessano e studiano le nutrie e perchè no, le amano pure.

Ringraziamo Cinzia Carpene per l’intervista e vi invitiamo a dare un’occhiata ai suoi disegni nella pagina facebook Ci-jins e nel suo portfolio su Carbonmade.

nutrie

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...