“ALIENI SULLA PROPRIA TERRA”

resize.php

Venerdì 7 marzo si è svolto a Milano il convegno della LAV dal titolo Alieni sulla propria terra, incentrato sulla tematica delle specie provenienti da altri territori, definite appunto “aliene” o “alloctone”.

Nella mattinata è stato presentato un dossier realizzato da Barbara Bacci e Massimo Vitturi (responsabile LAV Caccia e Fauna selvatica), in cui sono elencati e descritti i casi più rilevanti di invasione da parte di “specie animali aliene”, seguiti da un’analisi circa le contromisure attivate per contrastare il proliferare di questi animali nei nuovi territori.

In coda alla presentazione del dossier, è stato proiettato il trailer di “The Invasion – A Coypumentary”: ne approfittiamo per ringraziare gli organizzatori per averci dato l’opportunità di parlare del nostro progetto in un contesto così prestigioso.

Il convegno ha visto successivamente la partecipazione di esperti di fama internazionale.

Il dottor Mauro Ferri del Servizio veterinario AUSL Modena, ha ripercorso la storia ultraventennale dell’introduzione della nicarbazina per il controllo della fertilità dei colombi. Si tratta di un metodo che, applicato parallelamente ad interventi di tipo ambientale, ha dato risultati positivi. Ciononostante, per la gestione dei colombi urbani si persevera nel raccomandare altri metodi tecnicamente inefficienti ed economicamente svantaggiosi.
Il dottor Ferri ha parlato altresì della problematica connessa alla presenza di una cospicua popolazione di daini nella Riserva Naturale del Gran Bosco della Mesola (Ferrara), che competono con i cervi autoctoni. Nell’arco degli ultimi vent’anni è stato messo in pratica un piano di abbattimento dei daini, con l’obbiettivo di eradicarli dalla zona. I daini sono però tutt’ora presenti, dunque sono state avanzate proposte per sostituire e/o integrare i metodi già applicati con un programma di immuno-contraccezione basato su un vaccino già collaudato in USA per i cervidi. Tali proposte non sono state però prese in considerazione nell’ambito delle linee guida.

La dott.ssa Giovanna Massei (York, UK), ricercatrice presso AHVLA (Animal Health and Veterinary Laboratories Agency), ha parlato dei recenti progressi nella ricerca sul controllo della fertilità degli animali selvatici. Mediante esempi tratti dai recenti studi condotti in Italia e in altri paesi, in particolare l’applicazione del vaccino GonaCon per la sterilizzazione dei cinghiali, ha spiegato i vantaggi e i limiti di tali metodi.

Il dottor Allen Rutberg (USA), del dipartimento di Scienze Biomediche della Facoltà di Medicina Veterinaria della Tufts-Cumming School (North Grafton, Massachussets) ha parlato dell’immunocontraccezione mediante il vaccino PZP, sperimentato a partire dal 1991 negli Stati Uniti su cavalli selvatici, cervi e bisonti. Può richiedere richiami o annuali oppure, per l’emulsione “a rilascio”, ogni 2-3 anni. Può inoltre essere somministrato anche a distanza con l’uso di dardi e funziona anche su cervi, pecore, capre, altri mammiferi ungulati, orsi, foche ed elefanti.

2014-03-07 16.44.09

Nel 2016 dovrebbe entrare in vigore la “Proposta di Regolamento del Parlamento Europeo e del Consiglio recante disposizioni volte a prevenire e a gestire l’introduzione e la diffusione delle specie esotiche invasive”. Tale proposta prende spunto dalla constatazione che l’immissione di piante e animali in un ambiente in cui non sono solitamente presenti è in costante aumento, anche a seguito dell’espansione degli scambi commerciali, dei flussi turistici nonché dei cambiamenti climatici.

Le disposizioni che dovranno essere approvate dal Parlamento Europeo, comprendono:

-il divieto totale di importazione, allevamento, vendita delle specie considerate più problematiche, definite “specie prioritarie”
-l’attivazione di un sistema di controllo e sorveglianza alle frontiere dei paesi dell’Unione Europea
-la predisposizione delle misure necessarie a tenere sotto controllo la diffusione delle specie invasive già presenti nei paesi dell’UE

E’ possibile visionare una cartina che illustra la distribuzione sul territorio italiano di nutrie, scoiattoli grigi, tartarughe Trachemys scripta, visoni americani e procioni a questo link: http://www.lav.it/cpanelav/js/ckeditor/kcfinder/upload/files/files/distribuzione%20principali%20specie%20aliene%20Italia%20ok.pdf

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...